Per bullismo si intendono tutte quelle azioni di prevaricazione continuata e sopruso messe in atto da parte di un bambino/adolescente, definito “bullo” nei confronti di un altro bambino/adolescente percepito come più debole o realmente più fragile, definito come la vittima. Possiamo affermare che uno studente è oggetto di azioni di bullismo quando viene esposto, ripetutamente nel corso del tempo, alle azioni offensive messe in atto deliberatamente da uno o più compagni, azioni offensive che possono spesso trasformarsi in azioni di violenza. Non si fa quindi riferimento ad un singolo atto, ma a una serie di comportamenti portati avanti ripetutamente che avviliscono la vittima in modo molto spesso traumatico, contribuendo al suo isolamento. Il termine si riferisce al fenomeno nel suo complesso e include i comportamenti del bullo, quelli della vittima e anche di chi assiste: gli osservatori o spettatori.

E’ possibile inoltre differenziare il fenomeno del bullismo in bullismo diretto, che comprende attacchi espliciti nei confronti della vittima e può essere di tipo fisico o verbale e bullismo indiretto che invece danneggia la vittima nelle sue relazioni con le altre persone, attraverso atti come l’esclusione dal gruppo dei pari, l’isolamento, la diffusione di pettegolezzi e calunnie sul suo conto, il danneggiamento dei suoi rapporti di amicizia. Quando le azioni di bullismo, sopradescritte, si verificano attraverso Internet (posta elettronica, social network, chat, blog, forum), o attraverso il telefono cellulare con le sue applicazioni più moderne, si parla di cyberbullismo. In entrambi i casi, per non creare confusione o incappare in errori di percezione è necessario ricordare che: per parlare di bullismo o di cyberbullismo devono darsi questi 2 elementi:

  • I fenomeni di prevaricazione e violenza avvengono ripetutamente nel tempo
  • I fenomeni di prevaricazione sono spesso esposti alla visione del gruppo dei pari, che dunque divengono spettatori attivi o passivi del fenomeno, più solitamente incoraggiando il bullo (attivi) o rimanendo indifferenti alla dinamica (passivi).

 

Cuore e Parole, promuove nelle scuole attività per prevenire e contrastare i fenomeni di bullismo e Cyberbullismo, lavorando con le classi sul tema degli spettatori, quindi promuovendo riflessioni e cambiamenti, che permettano ai bambini/adolescenti, di capire che smettere di essere osservatori e l’unico modo di arginare il fenomeno e di correggerlo tra pari, spostandosi in modo autentico a proteggere la vittima. Questa riflessione viene veicolata attraverso giochi e animazioni che promuovano un riconoscimento delle emozioni e dei sentimenti proprie e altrui e un maggiore sviluppo della propria intelligenza emotiva.

 

Partecipa al nostro Bando di Concorso SCELGO IO!

PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE

E PROMOZIONE DI SANI STILI DI VITA SIN DALL’INFANZIA

BULLISMO E CYBERBULLISMO

Cuore e Parole Onlus   +39 02 45477571   info@cuoreparole.org

 

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza di "social plugin". Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser accetti di ricevere tutti i cookie del sito www.cuoreparole.org.